CALCIO AMATORI – I NOSTRI RAGAZZI VOLANO!!

Grandissima prova ieri sera dei nostri ragazzi contro un fortissimo Riolunato.

Spezza che si porta in vantaggio nei primi minuti con una doppietta di Pezone ma che si fa raggiungere sul 2-2 nel finale di primo tempo. Mister Baruffi rivoluziona la squadra nel secondo tempo e ottiene il vantaggio grazie ad una bomba da fuori di Forlani. Passano 30 secondi ed è di nuovo pareggio. Nel finale è sempre Forlani a segnare defilato sulla sinistra…vittoria per 4-3 e vetta sempre più vicina!

ecco le pagelle

Pagelle Spezzanese – Riolunato 4-3

COSENTINO :6 incolpevole sui 3 gol subiti, intelligente nelle uscite, nella seconda frazione si infortuna ma decide di stringere i denti e rimanere in campo al fianco dei suoi come Goku e Gohan contro Cell. SUPER RASTAMAN

SCAGLIONI: 7 IL Cap anche stasera in grande spolvero, becca tutti i tempi di gioco e anche quelli verbali, promosso a pieni voti, andrà davanti a Tosi per avere il municipio in Piazza Falcone-Borsellino. 41040

RICHETTI: 7 torna nel suo ruolo naturale, terzino sinistro, sempre in anticipo sul suo avversario che ogni tanto gli concede qualche galoppata in avanti, condizione fisico-mentale pressoché perfetta, mostra già i tratti di un senatore. STANZA DELLO SPIRITO E DEL TEMPO

GAGLIARDELLI: 6/7 passa da terzino destro a centrale nel secondo tempo, ambiguamente silenzioso, avrà fatto qualche ritiro speciale in Tibet, il suo ritorno si sente, carismatico allo stesso tempo. DALAI LAMA

MANFREDINI: 6/7 zappa la fascia destra per tutto la partita, peccato siamo già a maggese. Esce comunque soddisfatto dal campo per le vittime raccolte anche sto giro. CACCIATORE DI TAGLIE

TAFARUCI:6, 35 minuti pieni per lui, tra complimenti e offese, il diavolo e l’acqua santa, passo la palla o la tengo?! Ancora non l’abbiamo interpretato. Suo l’assist dell’1-0, 20 minuti fatti bene, poi dentro di lui qualcuno chiude la valvola per le sinapsi. ESPLORANDO IL CORPO UMANO

DRAGONETTI: 6- sarebbe una sufficienza piena se non fosse per l’ammonizione inutile: in ritardo sull’uomo mette alla lettera “il bastone tra le ruote”. A fine match ha promesso che inizierà a seguire un corso di Autocontrollo da Ezio Miccio. COMPLANARE

PIGONI: 7 Tempismo da Rolex e senso della posizione da Garmin, pecca soltanto nella finalizzazione. Al limite dell’area riceve una legnata che avrebbe spezzato in due il miglior Ritter Sport ma non molla niente. SVIZZERO NO NOVI

TONI: 6+ per lui buona parte del secondo tempo nel suo ruolo che la consacrato: dietro le punte. Prova un paio di lanci per il compagno di reparto, ma quasi sempre intercettato, subisce una gomitata a gioco lontano, controlla comunque prima che la maglia numero 10 non sia stata toccata. CAPO DEL SENATO

PEZONE: 8 “mo je facc’ er cucchiaio” due pallonetti, due gol uguali uno dietro l’altro, in 5 minuti mette una seria ipoteca sul match, per lui anche una sfortunata traversa. Mostra a tutti la maglia della fortuna censurando le doti nascoste. 262672 fuorigiochi come sempre contestati, a fare polemica raramente si trova un degno avversario. KURT ANGLE

FORLANI: 8,5 rileva Indulti nel secondo tempo sul 2-2. In men che non si dica ripota in vantaggio i suoi, così come riacciuffa il gol vittoria sul pareggio agguantato fortunatamente dagli avversari. Raramente abbiamo visto top player di questo calibro” non so perché io vada più veloce della palla, spesso me la ritrovo nel culo”. PROVA A PRENDERMI

INDULTI: 7,5 manca solo il gol al bomber spezzanese, ci prova di testa su un cross perfetto dalla destra, ma il portiere la fa sua. Spintona, serve compagni, spallate e botta e risposta a voce agli avversari: “ prova a rifarlo se hai il coraggio! Se lo rifai ti appendo di fianco al cartellone della Riacef e poi vedi che fiosioterapia dopo”. E.R. MEDICI IN PRIMA LINEA

DOKU: 6/7 tiene bene la posizione, quando c’è da picchiare picchia, quando c’è da negare l’evidenza nega. Buono il suo lancio per il 2-0. Classico protagonismo col cellulare a fine match. CABALA

GOLLINI: 6 Schierato in mezzo al campo nella seconda frazione, non avendo ancora contratto la clamidia si rende conto che a Misano Adriatico non era in Erasmus. Il ragazzo cresciuto a pane e educazione cerca di arginare le iniziative avversarie che si concludono con trattati di pace e processi per crimini di guerra. CHAMPAGNE A FIUMI

MONTANARI: 6,5 Al suo ingresso in campo partono gli applausi per il ritorno tanto atteso. Si vociferava tra gli spalti che fosse in comunità con Berardi ed El Shaarawy, ma lui c’è eccome. Corre come un missile sulla fascia destra, spesso si accentra per dispensare terrore a centrocampo. Da rivedere la fase di impostazione. SPAZZACAMIN